DENUNCIAMO AGGRESIONI E PROVOCAZIONI CONTRO INTEGRANTI DELL’ASSEMBLEA DEI POPOLI INDIGENI DELL’ISTMO IN DIFESA DELLA TERRA E DEL TERRITORIO (APIIDTT).

Juchitán de Zaragoza, Istmo di Tehuantepec, 14 Marzo 2014
 
Ai mezzi di comunicazione  
Alle organizzazioni dei diritti sociali
Agli organismi di Diritti Umani
Ai popoli indigeni
All’opinione pubblica nazionale

DENUNCIAMO AGGRESIONI E PROVOCAZIONI CONTRO INTEGRANTI DELL’ASSEMBLEA DEI POPOLI INDIGENI DELL’ISTMO IN DIFESA DELLA TERRA E DEL TERRITORIO (APIIDTT).

Il giorno lunedì 10 Marzo, intorno alle 17, è stato appiccato il fuoco al rancho del compañero Odelio López Vicente, agente comunitario nominato dall’Assemblea Generale di Gui’xhi’ro ́(Álvaro Obregón). Si è cercato di spegnere il fuoco ma sono andate distrutte due capanne di palma che servivano da magazzino di mais e sorgo, e dove erano conservati utensili da lavoro, amache e documenti personali. Il giorno 7 Marzo è stato sottratto un recipiente di benzina dal rancho del compañero Pedro López Orozco, portavoce dell’Assemblea Comunitaria di Álvaro Obregón. Queste azioni sono parte degli attacchi che un gruppo di operatori della presidenza municipale di Juchitán stanno realizzando per provocare un clima di tensione e ostilità nei confronti delle autorità comunitarie.

Il compañero Filiberto Vicente Aquino, che da tre anni è soggetto a un processo giuridico per furto di materiale elettrico, citato dalla Commissione Federale di Elettricità, il giorno 11 Marzo, intorno alle 23 è stato strattonato via da personale della CFE dal contatore di energia del suo domicilio, d’accordo con la testimonianza di alcuni presenti. Questo è rilevante perché dopo quasi un anno e mezzo in cui si chiedeva a un perito di dimostrare la falsità dell’accusa, ad alcuni giorni di distanza da quando questa si sarebbe dovuta realizzare, la CFE commette quest’azione con la volotà di compromettere il processo.

Il comunero Pedro Martínez Guerra, che ha denunciato davanti al Pubblico Ministero la spogliazione del suo territorio da parte dell’impresa eolica Gas Natural Fenosa e le minacce di morte contro la sua persona patisce ora l’affronto del Sindaco Municipale di Juchitán de Zaragoza, Miguel Ángel Bartolo Ruiz, che lo ha citato per una conciliazione con l’impresa, abusando della sua autorità per minacciare di farlo prelevare dalla forza pubblica e nonostante sia un’autorità civile priva di competenza in materia agraria. Allo stesso modo l’impresa Gas Natural Fenosa, con l’omissione e complicità delle autorità statali e locali, ieri 13 Marzo ha cercato di aprire un nuovo varco nello stesso terreno, e di fronte alla volontà di negare anche quest’altro passaggio ora temiamo una recrudescenza della minacce alla famiglia di Ta’ Pedro Martínez e dei compañeros dell’Assemblea dei Popoli Indigeni dell’Istmo in Difesa della Terra e del Territorio, per cui

ESIGIAMO CHE:

1. si realizzi un’indagine esaustiva delle aggressioni sofferte da Odelio López Vicente e Pedro López Orozco e vengano puniti i colpevoli.

2. il Sindaco Municipale smetta di minacciare il compañero Pedro Martínez Guerra e rispetti il suo diritto a difendere la sua terra.

3. la PGJ non sia omessa nel caso della denuncia per spogliazione presentata dal compañero Pedro Martínez Guerra.

4. la CFE smetta di molestare il compañero Filiberto Vicente Aquino, e tutti i compañeros in resistenza contro le elevate tariffe elettriche. Alleghiamo fotografie del compañero Odelio.

ASSEMBLEA DEI POPOLI INDIGENI DELl’ISTMO IN DIFESA DELLA TERRA E DEL TERRITORIO

od

od1

od6

od9

od11

od12

od13

Anuncios

Responder

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Cerrar sesión / Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Cerrar sesión / Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Cerrar sesión / Cambiar )

Google+ photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google+. Cerrar sesión / Cambiar )

Conectando a %s

A %d blogueros les gusta esto: